PEPTIDI: cosa sono?

I peptidi sono una classe di composti chimici costituiti da una breve catena lineare di aminoacidi dette anche messaggeri cellulari.

I peptidi che interessano alla cosmesi sono quelli biomimetici ovvero peptidi che mimano effetti biologici e sono nella maggior parte dei casi sostanze di sintesi ovvero costruite in laboratorio ma ne esistono anche di derivazione naturale.

Potendo costruire in laboratorio combinazioni di peptidi con funzioni specifiche si ha la possibilità di ottenere cosmetici eccezionali in grado d’intervenire attivando o inibendo alcuni processi biologici che saranno bersaglio del messaggio del peptide. Parliamo di processi come l’invecchiamento della pelle, la riparazione della barriera cutanea, la pigmentazione e tanti altri! 

Dato il loro meccanismo d’azione, sono indicati intorno ai 35-40 anni, a seconda dello stato di invecchiamento cutaneo. Per le pelli con un’evidente quantità di rughe di espressione, si possono utilizzare già a partire dai 35 anni, negli altri casi dai 40-45 anni a seconda della reale necessità.

ESISTONO 3 TIPI DI PEPTIDI:

1. PEPTIDI SEGNALE: generalmente sono quei peptidi capaci di stimolare la sintesi di collagene e/o diminuiscono la sua degradazione;

2. PEPTIDI CHE MODULANO I NEUROTRASMETTITORI: riducono o impediscono la trasmissione degli impulsi nervosi che permettono al muscolo di contrarsi prevenendo o attenuando le rughe;

3. PEPTIDI CHE CHELANO I METALLI: attraverso la chelazione del metallo si ottiene un certo effetto benefico.

Di pepetidi in cosmetica ne esistono tantissimi, ognuno dei quali con una propria funzione e capacità di agire su diversi inestetismi: rughe, occhiaie, borse, macchie cutanee, rossori del viso.

I peptidi più utilizzati in cosmetica sono esapeptidi, cioè 6 amminoacidi legati insieme, come:

Acetilexapeptide-8 Conosciuto anche con il nome di Argireline, ha un effetto botox like in quanto mima la tossina botulinica. Agisce con un miorilassante: i muscoli facciali si muovono meno e le rughe appaiono meno visibili.

Pentapeptide-18Questo peptide ha la capacità di ridurre la profondità delle rughe del viso specialmente sulla fronte e intorno agli occhi. Risulta quindi un ottimo alleato per le rughe di espressione.

Palmitoyl Pentapeptide-3 Più noto in commercio come Matrixyl e usato spesso in combo con l’Argirelina. La sua funzione è quella di stimolare le cellule del derma a produrre nuovo collagene e acido ialuronico. Va a supportare l’elasticità cutanea e svolge un’azione rassodante. Nel complesso, l’uso di questo peptide aiuta a conferire un aspetto tonico e rimpolpato nelle zone di applicazione.

Dipeptide -2 e tetrapeptide -7 Spesso questi peptidi si trovano nelle formule di contorno occhi o prodotti per il corpo ad azione drenante. Sembra abbiano la capacità di supportare il riassorbimento di edema sottocutanei e quindi la riduzione di borse sotto gli occhi e gonfiore.

E’ competenza del formulatore, dopo una rigorosa ricerca, scegliere quale inserire in formula e come creare una certa sinergia con altri peptidi o altre sostanze funzionali.

Si consigliano durante il giorno, in associazione a un trattamento notturno con sostanze che stimolano il rinnovamento cellulare epidermico e agiscono positivamente sui fibroblasti come ridensificanti-rassodanti. Per ottenere il massimo di funzionalità cosmetica occorre un impiego costante e continuativo, poiché l’azione chimica è basata sulla presenza fisica (accumulo) della sostanza sulla pelle.

I peptidi rappresentano il futuro della cosmetica, essendo sostanze in grado di rimettere in moto la funzionalità delle nostre cellule con conseguente incremento della produzione endogena di sostanze fondamentali al benessere della pelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.